Tagli Effetto Antiage

In genere si dice: “dopo una certa età si dovrebbero accorciare i capelli!” Il problema è stabilire quale sia la “certa età”… E’ pure vero che ormai i confini relativi all’età sono cambiati radicalmente negli ultimi anni, tanto che spesso si sente dire: i nuovi 50 sono i vecchi 40… In sostanza occorrerebbe fare attenzione ai dettagli in grado di “ringiovanire”, il volto e l’aspetto fisico in generale. Una cosa occorre subito dire: per quanto si possa restare giovani, dopo i 50 i capelli cominciano a perdere tono e consistenza, per motivi ormonali. Per questo, a volte con il passare degli anni, occorre regolare il taglio e il colore. Ma vediamo alcuni tagli che possono aiutare ad avere un effetto antiage, a patto che la chioma sia perfettamente sana e curata

Sotto Michelle Hunziker… che non rinuncia ai suoi capelli lunghi, recentemente ha sfoggiato una frangetta nuova di zecca, stravolgendo il suo look e guadagnando anche qualche anno… La frangia della presentatrice si ispira a quella di Brigitte Bardot, lasciata lunga sfiora le cigliaSotto Jennifer Lopez che ha appena compiuto 50 anni… Chris Appleton, è il responsabile di questo cambio look così drastico che dice addio alle sue lunghissime extension… La peculiarità di questo taglio, è una versione estremizzata del Long Bob, ed è l’esasperazione della definizione dei perimetri frontali, sottolineati dalla scelta del colore più chiaro in queste zone… Infatti Il colore sempre più biondo è l’altra caratteristica vincente. Il biondo sabbia della base diventa un platino sulle lunghezze, ma troviamo degli innesti di biondo chiarissimo anche sulla base… Il risultato è volutamente ben definito per rendere ancora più evidente l’effetto BluntSotto Charlize Theron… che oltre a puntare su un attualissimo Chin Bob, che gestisce nella versione classica e in quella più informale e mossa… dopo anni e anni di biondo sceglie un castano cioccolato che scalda i lineamenti del suo viso… scelta azzeccatissima e tra le più copiate dell’autunno 2019Sotto Robin Wright… Una frangia sbarazzina che darebbe leggerezza a qualsiasi volto e acconciatura… Un taglio scalato molto versatile, sia se si decide di dare definizione alle punte portandole verso l’esterno con un allure contemporanea… e sia se si opta di tenere le punte morbide verso l’internoSotto Jane Fonda… Pioniera negli anni ’60 del taglio Shag, continua nel corso dei decenni a rielaborarlo in modo vincente… Questo tipo di taglio, scalato dalla sommità della testa che scende sulle lunghezze fino alle punte molto sfilate, è in grado di ringiovanirla di almeno 20 anni, ed è perfetto per il suo volto spigolosoSotto Julia Roberts… Si trova perfettamente a suo agio con i capelli lunghi, anche se magari, un po’ accorciati rispetto a qualche anno fa. L’importante è che la chioma sia sana e curatissima. E per evitare l’effetto scialbo, meglio optare per leggere scalature e onde morbide che danno leggerezza al tutto e mascherano eventuali diradamentiSotto Kate Moss… Scelta come testimonial dell’ultima campagna pubblicitaria di Giorgio Armani… sposa l’idea che la frangia ringiovanisce perché nasconde i segni del tempo… soprattutto se lasciata lunga… Oltre a nascondere le rughe, in questo modo vengono esaltati i punti di fascino del viso… Anche lei prende ispirazione dallo stile di Brigitte Bardot… Infatti se riflettiamo, le frange troppo corte potrebbero mettere in evidenza e marcare i segni dell’età… In questo caso la leggera scalatura Shag dona allo styling un aspetto frizzante Sotto Helen Mirren… Lei ultra settantenne sfoggia sempre in modo spiritoso e sbarazzino il suo taglio corto ed ultra white, che le dona luce al volto… glamour e sofisticata! Esempio che un corto “à la garçonne” personalizzato, che rispetta i lineamenti e la tipologia di capelli, può diventare il top dell’eleganza!

A cura di ©www.SoniaBaglieri.com

Share

Mullet Reloaded

Come abbiamo detto più volte l’estate del 2017 ha segnato il ritorno di alcuni stili classici… Oltre ai capelli ricci, sia sui capelli di media lunghezza sia su quelli corti, che evocano le mode degli anni ’80… un altro grande ritorno è il taglio Mullet… un haircut che, tra corsi e ricorsi, dalla fine degli anni ’70, ha attraversato tutti gli anni Ottanta, per riproporsi in versione fashion ai giorni nostri… Sotto Zara, Fall/Winter 2017-18Il taglio Mullet nel corso degli anni venne considerato non proprio il massimo dell’eleganza, a causa delle “proporzioni”Unisex e trasversale perché indossato al maschile e al femminile, si tratta, per intenderci, del taglio di capelli di Mick Jagger, Keith Richards, Rod Stewart, look caratteristico degli anni ’70… e dei Duran Duran e di tutte le band glam rock di quel periodo, sfoggiato appunto negli anni ‘80… Al femminile, invece, il taglio Mullet fu reso iconico grazie alle “teste” di Patti Smith, Jane Fonda e Debbie Harry, la cantante dei Blondie… sotto uno scatto d’epoca di Debbie Harry e la rivisitazione del suo taglio da parte dell’hair stylist Guido Palau

Addirittura la cantante Chrissie Hynde, la frontwoman dei Pretenders, che con il suo Mullet liscio ha ispirato generazioni di donne, fino ad oggi è rimasta fedele a questo taglio di capelli…

E rimanendo in tema Rock, ecco il taglio grintoso della cantante Joan Jett… tratto da un articolo di VogueBasta dare un’occhiata ai backstage degli ultimi fashion show per rendersi conto di quanto il taglio Mullet sia ancora ben vivo… Sotto dalla sfilata di Alexander Wang Fall/Winter 2017-18Interpretato in forme diverse, il taglio Mullet arriva ad essere uno Shag iper-stratificato… Una sorta di stile punk ultra-moderno… uno stile adatto alle donne anticonformiste che per scelta di vita non stanno alle regole e non sono legate agli schemi… ma non per questo smettono di essere sofisticate e glamour… Sotto la modella Edie Campbell per la campagna pubblicitaria di Yves Saint LaurenIl taglio Mullet permette di flirtare sia con i capelli lunghi che con quelli corti, anzi diventa un’alternativa originale e decisamente up to date quando si passa dal lungo al corto e la chioma sembra non avere una forma definita… Soprattutto se lo si porta leggermente mosso, morbidofluido e non rigido come era di moda negli anni ’80… È un ottimo modo per dare personalità ai capelli! Uno stile dal piglio punk-rock, audace e mai banale!

A cura di ©www.SoniaBaglieri.com

Share