Ginger Beer Hair

Uno dei colori che in questa stagione si sta confermando di tendenza è il “Ginger Beer”… Si tratta di una nuance che si ispira al colore della birra aromatizzata allo zenzero, che ha realizzato la colorista Kim Bonondona nel suo salone di New York… Un colore speziato che ha come base il castano ramato ma ottiene, appunto, la tridimensionalità con i “riflessi allo zenzero”Un colore caldo e vibrante che evoca il cambio di stagione e i colori della natura in questo periodo… Ma perché definirlo proprio “Ginger Beer”?! L’hair colourist Bonondona ha spiegato che per realizzare esattamente questa sfumatura di colore, ha miscelato la tonalità di rame con tocchi di rosso e di marrone… ma lavorando con il rosso a volte si ottengono dei risultati troppo pieni e compatti… Allora le è venuta in mente la birra allo zenzero con le sue “venature dorate”Dunque la bravura consiste nel riuscire a mescolare la giusta quantità di rosso. Dice Bonondona: “Se è troppo, non si otterrà mai questa precisa sfumatura… Il punto è riuscire a mantenere il colore dei capelli sempre all’interno della famiglia dell’arancione…”Questo tipo di colorazione è una delle più difficili da mantenere. Si sa che il pigmento rosso è quello che va via più facilmente durante i lavaggi… ed è quello più esposto all’ossidazione… Non solo, questo processo di “scolorimento precoce” può anche compromettere i riflessi dorati e il risultato iniziale… Affinché il tutto non si sbiadisca subito bisogna necessariamente trattare i capelli a casa con uno shampoo specifico che preservi i pigmenti e che mantenga viva la colorazione… e anche lucida…Se paragoniamo il Ginger Beer con un altro rame di tendenza in questa stagione, come il Milk Tea Hair… bisogna evidenziare che il Tè con il Latte, se ben ricordate, gioca molto più sui contrasti… cioè, quella punta biancastra su una base rame, deve spiccare ed essere molto evidente… Invece nella Birra allo Zenzero, il rame è gradualmente amalgamato con i riflessi chiari C’è anche da dire che se l’hair colourist riesce a dosare bene l’intensità di rosso e mescolare sapientemente le sfumature dorate magari evitando gli stacchi di colore, si ottiene uno dei colori che gli esperti ritengono tra i più sofisticati ed eleganti… e soprattutto molto “portabile”

A cura di ©www.SoniaBaglieri.com

Share

Inverted Bob

Il caschetto è ormai da diverso tempo sulla cresta dell’onda delle tendenze haircut e non sembra intenzionato a cedere lo scettro… Ad ogni nuova stagione si reinventa, declinandosi in versioni sempre più accattivanti e sbarazzine. Abbiamo già visto la versione Chin Bob, il taglio quasi estremo all’altezza del mento… Ma tra le varie versioni c’è il cosiddetto Inverted Bob, una variazione in termini di simmetrie del classico caschetto che sembra essere già molto apprezzata per il nuovo autunno-inverno 2019/2020… ma che ha le sue origini negli anni ’90… E siccome quest’anno c’è il ritorno dei Nineties, gli hairstylist lo stanno riproponendo però con un’ottica contemporanea…

Sotto Jennifer Aniston

La particolarità di questo taglio è quella di essere più corto dietro e più lungo davanti. Lo si può eseguire mantenendo totalmente la forma piena e quindi senza nessuna scalatura ma solo con sfilature bilanciate nella parte sottostante del taglio… o creare una scalatura che è più alta nella parte posteriore e man mano che si va verso le parti laterali diminuisce per fondersi perfettamente con la lunghezza dei lati… La differenza con il Bob assimetrico degli anni ’90, è che in quel caso la scalatura da dietro a davanti era più accentuata, creando un vero e proprio “scalino”, e le punte davanti erano più lunghe e a volte anche “invadenti” sul viso… In questo caso invece la scalatura è più discreta e “le punte davanti” creano un contorno equilibrato che incornicia perfettamente il viso…

Sotto Khloé Kardashian

Sia che lo style finale sia ultraliscio o che sia morbido, con leggere waves… per essere un vero Inverted Bob, il “dislivello” tra la parte posteriore e quella anteriore, quindi si deve notare anche se appena accennato…

Sotto Naomi WattsSotto Gwyneth Paltrow

La forma del viso adatta per l’Inverted Bob, a parte l’ovale che viene definito il viso perfetto su cui potere fare di tutto, su queste linee di taglio sono ideali i visi con forme quadrate, rettangolari o a cuore. Si dovrebbe evitare sui visi molto allungati perché si accentuano i lineamenti…

Sotto Emily Ratajkowski

L’Inverted Bob può anche essere impreziosito da una frangetta… L’aspetto potrebbe assumere un’aria ancora più sofisticata ed elegante se il finish sarà ultraliscio…

Sotto Bryce Dallas Howard

Se invece si vuole avere un aspetto più informale e moderno si può optare per uno style leggermente messy… e così stravolgere le linee classiche…

Sotto Julianne Hough

E magari si potrebbe creare un ciuffo laterale per sdrammatizzare la frangia… praticamente è un taglio molto versatile…

Sotto Taylor Swift

La gestione dell’Inverted Bob, nonostante le linee geometriche, si presenta semplice in quanto non richiede una continua messa a punto del taglio… Ovviamente si dovrà tenere sotto controllo la scalatura… Se per esempio il “dislivello” non piace più si potrà attenuarlo con delle leggere sfilature davanti…

Sotto Selena Gomez

A cura di ©www.SoniaBaglieri.com

Share